Poste Italiane cerca nuovi postini

Poste Italiane cerca nuovi postini

Sono aperte ufficialmente le nuove ricerche e selezioni per assunzioni di postini 2017 da parte di Poste Italiane. L’azienda italiana ha deciso di riaprire le candidature in tutta Italia, avete tempo fino al 5 marzo per registrarvi e essere assegnati agli uffici postali di competenza.

Lavoro come postino

Si tratta di un’interessante offerta di lavoro quelle proposte da Poste Italiane, le posizioni disponibili sono sempre molto interessanti e ricercati e non sono previsti limiti di età per assunzione. Quali sono i requisiti necessari per diventare portalettere?

– Diploma di scuola media con voto di 70/100 o diploma di laurea con 102/110.

– Necessaria la patente di guida valida per utilizzare il motorino proposto dall’azienda

– Idoneità al lavoro con documentazione medica rilasciato dall’ USL di appartenenza

– Per la provincia di Bolzano è previsto il possesso del patentino del bilinguismo

Tipologia di contratto

Gli inserimenti di Poste Italiane nella maggior parte dei casi, prevedono contratti a tempo determinato per un max di 4 mesi. Ovviamente la durata reale del contratto dipende dal numero di posti disponibili e dalle esigenze aziendali di ogni zona.

Vi ricordiamo che ogni persona ha la possibilità di candidarsi per una sola zona territoriale con preferenza tra quelle disponibili sul sito. Dopo aver effettuato la candidatura, l’azienda contatterà solo i candidati ritenuti idonei tramite una chiamata da parte delle Risorse Umane Territoriali di Poste Italiane.

Da marzo tutti i candidati selezionati riceveranno tramite posta elettronica una mail dalla società Giunti, che viene incaricata dalle poste per proporre il test di selezione che conterrà il link a cui collegarsi per svolgere il test online.

Visitate il sito dedicato alla ricerca: https://erecruiting.poste.it/posizioniAperte.php e inviate il vostro curriculum vitae per rispondere agli annunci attualmente attivi. Avete tempo di inviare la vostra candidatura entro il 5 marzo 2017.

Scritto da enrico il 17/02/2017

Lascia un commento

* Nome ed e-mail sono obbligatori